Come Battere Il Tempo

Ciao a tutti,

oggi parliamo di un argomento apparentemente molto semplice, ma di fondamentale importanza per la nostra formazione musicale: come battere correttamente il tempo!

Avrete di certo notato, durante un concerto, una differenza tra le persone nel battere le mani per seguire il tempo di una canzone.

 

Generalmente, si dividono in due gruppi:

1) chi batte le mani sull’uno e sul tre, ovvero sul primo e sul terzo movimento (esempio: One – Two – Three  – Four);

2) chi batte le mani sul due e sul quattro, ovvero sul secondo e sul quarto movimento.

(esempio: One – Two – Three  – Four)

 

Chi ha ragione?

Ha ragione è il tipo numero due. Le mani dovrebbero essere battute insieme al beat “coperto” dal rullante della batteria (se stiamo parlando di musica moderna), quindi sul due e sul quattro.

Il motivo per il quale in Italia si tende maggiormente a battere le mani come nel punto 1 probabilmente è da ricercare nella nostra grandissima e illustre tradizione di musica detta colta, ovvero classica, e nel “Bel Canto”. Nella nostra tradizione popolare e nelle sue forme più conosciute, come la tarantella, il battere è di gran lunga più importante del levare; idem per il primo beat rispetto al secondo .

E’ indubbio che nella musica moderna il valore del “levare” sia più importante e caratterizzante che nella musica classica. Se pensiamo agli Stati Uniti e alla loro straordinaria tradizione jazzistica, il dato è tratto: nella batteria jazz infatti l’accento del Hi-Hat sul 2 e 4 è di fondamentale importanza per creare il tipico andamento swing.

Svelato l’arcano, vi propongo un paio di esercizi che possono aiutarci non soltanto nella coordinazione ritmica, ma anche nella creazione di un ritmo interno più interessante nella nostra improvisazione:

1) prendete gli esercizi di coordinazione presentati nella lezione “Coordiniamoci” e mettete il metronomo battendo il 2 e il 4.

2) mettete il metronomo e considerando sempre 2-4 sul beat, improvvisate.

 

Ci vediamo alla prossima lezione!!

Buon Lavoro,

DP

No Comments

Post a Comment